English   Español   Français  


Qualora vogliate ricevere regolarmente le notizie dalla Curia dei gesuiti, inviate un'email con soggetto "Subscribe"


Newslink


  • Versione Italiana
  • Archivio newsletters precedenti
  • Headlines from the Social Apostolate


  • Jesuit news online


  • Jesuits USA
  • Noticias de la CPAL-SJ
  • Jesuits in Europe
  • Jesuits in Asia Pacific
  • Jesuits in South Asia


    Mirada Global online review

    politics, economy, culture and religion from a Latin American perspective. More »


    Dispatches from JRS

    a twice monthly news bulletin from the JRS International Office |More»


    In All Things

    the editorial blog from America magazine | More »


    Thinking Faith

    the online journal of the British province | More »


    Eureka Street

    public affairs, international relations, the arts and theology; from Australia | More »


    Ecología y Jesuitas en Comunicación

    Busca promover la toma de conciencia entre Jesuitas y amigos sobre las cuestiones ecológicas
    | More »


  • Stampare questo numero
    Archivio: newsletters successive a marzo 2009


    Vol. XX, No. 14 20 luglio 2016

    Conversazioni con il Padre Generale

     

    Aspettative per la 36ª Congregazione Generale

     

    Il 2 ottobre 2016, si aprirà a Roma la 36ª Congregazione Generale della Compagnia di Gesù. Il Padre Generale Adolfo Nicolás ha preannunciato che presenterà alla Congregazione Generale una richiesta di dimissioni dal massimo incarico. La Congregazione Generale è libera di accettare o meno la sua richiesta di dimissioni. In questa breve conversazione con il P. Patrick Mulemi, il Padre Generale parla delle sue aspettative per la 36ª Congregazione Generale.

     

    Chiaramente il programma è quello dello Spirito Santo e degli elettori ma, in generale, Lei cosa spera per la prossima Congregazione Generale?

     

    R. Vorrei aspettarmi quello che è appropriato e realistico per una Congregazione Generale. Dopo il Concilio Vaticano Secondo, era necessario riformulare molti aspetti e dimensioni della vita religiosa e questo è quanto è successo dalla 31ª alla 35ª Congregazione Generale. Le Congregazioni si sono assunte questo compito e, con più o meno successo, hanno cambiato la metodologia per incorporare questo aspetto dei nuovi tempi nella Chiesa.

     

    Ora possiamo iniziare a occuparci nuovamente dei compiti che sono propri di una Congregazione di questo tipo e con dei numeri così elevati. Penso che una Congregazione non abbia lo scopo di produrre, comunemente, lunghi documenti. Essa rappresenta piuttosto tutta la Compagnia, nel discernere su come perfezionare la nostra Vita religiosa e su come migliorare il nostro servizio alla Chiesa e al Vangelo nel "servizio delle anime".

     

    Quest'osservazione contiene le mie aspettative. Pertanto, spero che i frutti della Congregazione siano una migliore vita religiosa nello spirito del Vangelo e una nuova capacità di immaginare l'approccio alla nostra missione.

     

    Sente che questa Congregazione sarà diversa dall'ultima in cui Lei è stato eletto?

     

    R. Sì, penso che sarà molto diversa. I tempi sono cambiati e c'è una nuova consapevolezza nella Compagnia di aver bisogno di audacia, immaginazione e coraggio per affrontare la nostra missione come parte della più grande Missione di Dio per il nostro mondo. Abbiamo anche una nuova regolamentazione, che ci ha dato un nuovo modo di concepire la Congregazione Generale. Ci riuniremo solo a ottobre del 2016, ma la Congregazione è già cominciata a settembre del 2015 con gli incontri del Comitato di Preparazione (settembre) e con il Comitato di Coordinazione (dicembre). Questo è un grosso cambiamento e certamente avrà degli effetti sulla Congregazione.

     

    Cosa succederebbe se la Congregazione non accettasse le sue dimissioni?

     

    R. Sarebbe una vera sorpresa. Penso che l'intera Compagnia sia cosciente del fatto che abbiamo bisogno di agilità e di audacia nell'affrontare il futuro e che non sia bene per la Compagnia trovarsi in mezzo alle incertezze che accompagnano gli ultimi due anni (o più) di servizio di ogni superiore generale. In termini concreti, la Congregazione Generale è libera di accettare la mia richiesta di dimissioni o di non accettarla. Nel caso che non dovesse accettarla, la Congregazione dovrà eleggere un Vicario per provvedere ai prossimi anni in cui le mie capacità certamente diminuiranno in maniera consistente, un processo di cui già ora comincio ad accorgermi.

     

    Papa Francesco terrà un discorso alla CG36?

     

    R. Lo speriamo. Ma il Papa è libero, e posso assicurarle che userà questa libertà. Noi speriamo tutti che si rivolgerà alla Congregazione facendo presenti i suoi sentimenti e le sue preoccupazioni. 

     

    AVVISO

    Il prossimo numero del SERVIZIO DIGITALE uscirà nel mese di settembre. 

     
     
    Cialis (Tadalafil) when buy, is used to treat men who have erectile dysfunction cheap generic cialis also called sexual impotence. Our reputation is the thousands of satisfied customers other usa pharmacy buy viagra such follow-up support of our customers is a priority of our work. Medicine arrived this applies to all stages of the work buy tramadol recent clinical studies provide strong evidence base for priority. Drugstore quickly and accurately fulfill our orders buying cheap cialis online courier rang beforehand to agree a convenient delivery time and arrived at the agreed time.