English   Español   Français


Qualora vogliate ricevere regolarmente le notizie dalla Curia dei gesuiti, inviate un'email con soggetto "Subscribe"


Newslink


  • Versione Italiana
  • Archivio newsletters precedenti
  • Headlines from the Social Apostolate


  • Jesuit news online


  • Jesuits in Africa
  • Jesuits in Canada and USA
  • Noticias de la CPAL-SJ
  • Jesuits in Europe
  • Jesuits in Asia Pacific
  • Jesuits in South Asia


    Dispatches from JRS

    a twice monthly news bulletin from the JRS International Office |More»


    In All Things

    the editorial blog from America magazine | More »


    Thinking Faith

    the online journal of the British province | More »


    Eureka Street

    public affairs, international relations, the arts and theology; from Australia | More »


    Ecology amd Jesuits in Communication

    Seeks to sustain a greater awareness of Jesuit people in ecology and advocacy efforts
    | More »


  • Stampare questo numero
    Archivio: newsletters successive a marzo 2009


    Vol. XXII, No. 16 8 ottobre 2018

    PADRE GENERALE

     

    Il Padre Generale è stato recentemente in Spagna per partecipare all'Assemblea generale della Conferenza dei Provinciali gesuiti europei (JCEP) a Barcellona, oltre che al 47º Congresso Internazionale di Fe y Alegría a Madrid. Rivolgendosi ai delegati del Congresso di Fe y Alegría, il Padre Generale ha osservato che "Fe y Alegría è diventata una delle reti di istruzione frontaliera che dà un nuovo volto all'apostolato educativo della Compagnia di Gesù. Si potrebbe anche dire che Fe y Alegría sia la più importante rete internazionale di istruzione di qualità per i settori popolari, che la Compagnia di Gesù, in collaborazione con molte altre congregazioni e persone, offre alla Chiesa e al mondo." Discorso completo del Padre Generale nell'originale spagnolo... 

    DALLA CURIA

     

    Forze sociali di arretramento, paura ed esclusione reciproca assediano l'Europa

    Il Presidente della Conferenza dei Provinciali gesuiti europei (JCEP) ha affermato che forze sociali di arretramento, paura ed esclusione reciproca stanno assediando l'Europa. In un'intervista alla Curia Generale dei gesuiti di Roma, il P. Franck Janin ha detto: "una delle maggiori sfide della nostra Conferenza è continuare a costruire una vera unione di cuori e menti tra noi. È chiaro che, religiosi o no, siamo influenzati dalle condizioni socio-politiche in cui viviamo. Quello che tende a minare la comprensione e l'unità tra nazioni o regioni si riflette anche sui rapporti tra noi gesuiti." Per saperne di più (in inglese)...

     

    Sfide della nostra missione in Asia meridionale

    Il Presidente della Conferenza dei Provinciali gesuiti dell'Asia meridionale (JCSA) ha deplorato la crescente influenza del fondamentalismo e del nazionalismo ristretto. Il P. George Pattery ha affermato: "il crescente fondamentalismo, il nazionalismo ristretto e la campagna di odio promossa dall'attuale regime in India, è motivo di preoccupazione e costituisce una grossa sfida. Le minoranze, soprattutto i musulmani, si sentono isolati. Questo non va bene per il Paese. Come Conferenza, abbiamo diffuso una dichiarazione che interroga l'ideologia di una nazione indù e siamo impegnati in uno studio e una riflessione continui. Questo movimento fondamentalista è potenzialmente una forza di divisione che può rompere il tessuto sociale." Per saperne di più (in inglese)...

    GESUITICA

     

    Flusso di migranti, flusso di denaro

    Davanti ai Capi di Stato dell'Unione Europea a Salisburgo, i gesuiti di Africa ed Europa hanno espresso le loro preoccupazioni in base a una nuova ricerca. I PP. Johannes Siebner (Provinciale della Germania), Agbonkhianmeghe Orobator (Presidente della Conferenza dei Provinciali gesuiti di Africa e Madagascar - JCAM), e Bernhard Bürgler (Provinciale dell'Austria) sono tra i firmatari della lettera congiunta intitolata "Flusso di migranti, flusso di denaro", una petizione di giustizia.

    Si tratta di una protesta contro ogni discorso che descriva i migranti come una minaccia alla stabilità e alla prosperità europea, il trattamento della migrazione dall'Africa come un crimine ("migrazione illegale").

    Invece di accanirsi sui sintomi, sostengono, bisogna occuparsi delle cause sottostanti all'origine di queste ondate migratorie, come ad esempio i flussi finanziari illeciti, che impediscono lo sviluppo dei Paesi africani. Per saperne di più (in inglese)...